Utilizziamo cookie per assicurarti una migliore esperienza sul sito. Utilizziamo cookie di parti terze per inviarti messaggi promozionali personalizzati. Per maggiori informazioni sui cookie e sulla loro disabilitazione consulta la Cookie Policy. Se prosegui nella navigazione acconsenti all’utilizzo dei cookie.
 
MENU
 

Trend europei

02.04.2014
Decentramento della produzione, costruzione di reti intelligenti (smart grid), partecipazione dei cittadini, offerte orientate alla clientela: in base a uno studio commissionato dall’agenzia di consulenza con ramificazioni internazionali Pöyry, sono questi i trend che caratterizzeranno in futuro panorama energetico europeo.

Nei mesi corsi, gli esperti di quest’agenzia avevano analizzato “l’approvvigionamento energetico su basi cooperative in Alto Adige, nell’ambito del contesto europeo”, esaminando i dati disponibili per la formulazione di scenari previsionali. In base agli esiti di tale studio, le cooperative energetiche nell’Unione Europea giocano un ruolo sempre più importante a favore di una “svolta” verso un mercato decentralizzato e sostenibile. Già oggi, oltre la metà della produzione in Germania e Danimarca è appannaggio di queste società: nel 2001, la Repubblica Federale di Germania contava 66 cooperative, mentre nel 2012 tale dato era già cresciuto a 736 unità.

Negli anni scorsi, l’Unione Europea ha visto la nascita di 2000 cooperative energetiche: alla luce di questi sviluppi, l’Alto Adige assume un ruolo di precursore grazie alla rete di produttori e distributori organizzati a livello decentrato. Questa tendenza, tuttavia, non interessa solo il Vecchio Continente: negli USA, il 12 percento della popolazione si serve già oggi di energia cooperativa.
 
 
Torna all'elenco