Utilizziamo cookie per assicurarti una migliore esperienza sul sito. Utilizziamo cookie di parti terze per inviarti messaggi promozionali personalizzati. Per maggiori informazioni sui cookie e sulla loro disabilitazione consulta la Cookie Policy. Se prosegui nella navigazione acconsenti all’utilizzo dei cookie.
 
MENU
 

SEV e la ricerca

11.06.2014
La tecnologia per lo sfruttamento sostenibile delle energie rinnovabili sta vivendo un’evoluzione rapidissima. Per questo, Unione Energia Alto Adige è impegnata a favore dell’innovazione e, insieme ad alcune organizzazioni partner locali, è attiva nella ricerca e nello sviluppo. Cooperazione anziché confronto-scontro:un principio valido anche per gli investimenti nel futuro.

Attivarsi a favore di ricerca & sviluppo: Unione Energia Alto Adige contribuisce all’evoluzione di procedure high-tech efficienti e in linea con le esigenze del territorio. Quale membro del consorzio Carsharing Alto Adige, SEV sta lavorando alla creazione di un’infrastruttura capillare per la ricarica di auto elettriche e, nell’ambito della sua partecipazione al progetto “E-Tirol”, rileva dati e valori empirici relativi all’e-mobility. Obiettivo del progetto futuristico “Smart Heat” è quello di ottenere un impiego equilibrato delle centrali di teleriscaldamento locali, nonostante le fluttuazioni dei consumi nell’arco della giornata e delle stagioni. SEV propone, infine, l’“ottimizzazione” degli impianti di riscaldamento privati e pubblici, partecipando al miglioramento delle reti energetiche altoatesine nell’ambito dell’iniziativa “Smart Grid”.

 Le reti “intelligenti” sono il requisito per uno sfruttamento efficace delle energie rinnovabili, e non solo in Alto Adige. Proprio
sulla scorta di queste riflessioni, a marzo, in occasione di un workshop della Federazione europea delle imprese di distribuzione indipendenti di elettricità e gas (GEODE) a Bruxelles, è stata presentata la pionieristica iniziativa altoatesina “Smart Grid”.
 
 
Torna all'elenco