Utilizziamo cookie per assicurarti una migliore esperienza sul sito. Utilizziamo cookie di parti terze per inviarti messaggi promozionali personalizzati. Per maggiori informazioni sui cookie e sulla loro disabilitazione consulta la Cookie Policy. Se prosegui nella navigazione acconsenti all’utilizzo dei cookie.
 
MENU
 

La mia energia

25.06.2014
“Ciò che è precluso al singolo, è possibile a molti”, scriveva Friedrich Wilhelm Raiffeisen: questo principio può essere applicato, da svariati decenni, anche all’industria energetica altoatesina. E, proprio oggi, i modelli commerciali no profit d’interesse generale, adottati dalle cooperative che si avvalgono del supporto di Unione Energia Alto Adige, riscuotono un interesse particolare.

Alla Federazione Raiffeisen aderiscono 60 cooperative energetiche con 15.000 soci. Nel 2013, in Alto Adige, 28 centrali elettriche organizzate con modalità cooperative hanno prodotto 262,9 gigawattora di corrente, servendo 14.691 utenti finali a tariffe convenienti, attraverso una rete di 988,5 kilometri. La produzione energetica è cresciuta, rispetto al 2012, dell’8,6 percento, mentre il numero degli utenti ha registrato un incremento del 6,6 percento e la vendita ai soci del 3,4 percento. In altre parole, le aziende fornitrici di energia, organizzate su basi cooperative, sono in aumento e godono di un favore
crescente.

Non c’è da stupirsi: le cooperative forniscono energia al prezzo di costo, sono organizzate su basi democratiche, hanno un forte radicamento sul territorio e non distribuiscono utili. Unione Energia Alto Adige, in quanto cooperativa, aderisce alla Federazione Raiffeisen: i servizi per le aziende aderenti sono, pertanto, un elemento irrinunciabile del suo “core business”.
 
 
Torna all'elenco