Utilizziamo cookie per assicurarti una migliore esperienza sul sito. Utilizziamo cookie di parti terze per inviarti messaggi promozionali personalizzati. Per maggiori informazioni sui cookie e sulla loro disabilitazione consulta la Cookie Policy. Se prosegui nella navigazione acconsenti all’utilizzo dei cookie.
 
MENU
 

Da pari a pari

28.05.2014
Lunedì scorso, si è tenuto per la sesta volta il “tavolo energetico”. Questo gruppo di esperti convocato dalla Giunta provinciale si era incontrato per la prima volta nel febbraio scorso e, da allora, i lavori procedono speditamente.
Nelle settimane passate, è stato raggiunto un accordo su un modello comune in materia di concessioni per le grandi derivazioni idriche.

Unione Energia Alto Adige (SEV) valuta molto positivamente l’atmosfera aperta e costruttiva che caratterizza questi colloqui “a livello paritetico”. “La ricerca di soluzioni comuni ha sicuramente dato i suoi frutti”, ha affermato l'amministratore delegato di SEV Rudi Rienzner, che ha osservato come, grazie al dialogo continuo, sia stato possibile abbattere alcuni pregiudizi. Già nel 2013, all’interno del documento programmatico “La seconda via”, Unione Energia Alto Adige si era pronunciata a favore di una piattaforma di cooperazione per tutti i soggetti operanti in quest’ambito a livello provinciale, quale misura “volta a gettare basi di fiducia”.

Pertanto, l’Unione continua a impegnarsi per la prosecuzione dei colloqui intorno al “tavolo energetico”: solo così sarà
possibile trovare un’intesa su una prospettiva futura per un’economia energetica locale all’insegna della sostenibilità. L’Alto Adige deve, infatti, riuscire a sviluppare modelli cooperativi per continuare a operare nell’ambito della concorrenza internazionale.
 
 
Torna all'elenco